La MicroCogenerazione

La microcogenerazione è la produzione combinata ed efficiente di elettricità e calore, realizzata in un impianto di cogenerazione di  taglia inferiore a 50 kW elettrici.

La microcogenerazione viene spesso identificata dalla sigla inglese microCHP, acronimo di micro combined heating and power.

La configurazione più comune di un microcogeneratore consiste nell'abbinamento tra un motore a combustione interna alimentato a gas, la cui energia meccanica viene trasformata in energia elettrica, e un sistema di recupero del calore di scarto per la produzione di energia termica.

I microcogeneratori sono apparecchi tecnologicamente avanzati che svolgono contemporaneamente due funzioni:

• integrano o sostituiscono le caldaie per il riscaldamento

• soddisfano in tutto o in parte le necessità di autoconsumo elettrico

Definizioni e taglie di riferimento

Quando si parla di “microcogenerazione”, occorre fare riferimento a quanto prevede la normativa vigente. La legge più recente in materia è il dlgs 20/2007, che recepisce quanto previsto dalla direttiva europea 2004/8/CE sulla promozione delle cogenerazione.

Il decreto, in accordo con la direttiva europea, definisce “unità dimicrocogenerazione” come “un'unità di cogenerazione con una capacità di generazione massima inferiore a 50 kW elettrici”. Un’unità di “piccola cogenerazione”, invece, viene definita come “un’unità di cogenerazione con una capacità di generazione installata inferiore a 1 MW elettrico”.

Il mercato

Nel nostro paese, le installazioni di microcogeneratori rappresentano ancora una rarità; nel settore residenziale, in particolare, si tratta di una realtà praticamente sconosciuta.

Alcune stime parlano di un mercato europeo potenziale per la microcogenerazione di circa 50 milioni di utenti. Le prospettive  di sviluppo sono particolarmente interessanti in tutti i paesi caratterizzati da inverni feddi e lunghi (quindi anche l'Italia del nord).

In Italia ci sono sono circa 13 milioni di edifici, per un totale di 27 milioni di abitazioni. Di queste, 22 milioni sono riscaldate e rappresentano quindi il potenziale mercato italiano della microcogenerazione. 

 

Le tecnologie disponibili

In Italia sono disponibili diversi modelli di microcogeneratori, di taglia compresa tra 5 kW e 50 kW elettrici. Si tratta di macchine che presentano valori di rendimento elettrico compresi tipicamente tra il 22% e il 32%, e rendimenti complessivi (elettrico + termico) nell’ordine dell’85-90%.

Dal punto di vista della tecnologia utilizzata, i microcogeneratori in commercio sono riconducibili a tre tipologie:

• Motori a combustione interna alimentati a gas (ad esempio SenertecTandem)

• Motori stirling a combustione esterna (ad esempio Whispergen)

• Microturbine a gas (ad esempio Capstone)

• Microcogeneratori con celle a combustile

Non è possibile fornire informazioni sui costi che siano valide per tutte le taglie e per le diverse tecnologie. In ogni caso, non si scende al di sotto dei 1.000 € / kW elettrico. Come per tutte le altre tecnologie avanzate, anche nel caso dei cogeneratori i costi specifici diminuiscono all’aumentare della taglia. 

I microcogeneratori domestici possono svolgere le funzioni normalmente affidate alla caldaia (acqua calda sanitaria e per il riscaldamento), producendo al contempo energia elettrica per soddisfare in tutto o in parte le necessità di autoconsumo.

 

Opportunità e incentivi per la microcogenerazione

Una importante occasione per la diffusione su larga scala di impianti di microcogenerazione, è data dall’introduzione del meccanismo dello Scambio sul posto per la cogenerazione ad alto rendimento di potenza elettrica nominale fino a 200 kW.

Tale meccanismo consente di valorizzare adeguatamente l’energia elettrica prodotta in cogenerazione e immessa in rete.  Per approfondire il meccanismo dello Scambio sul posto, vedi la voce nel menu di destra.

L'accesso allo Scambio sul posto è previsto sia per gli impianti alimentati a fonti fossili che a fonti rinnovabili.

Semplificazioni fiscali ed autorizzative

Il Dm Economia “Semplificazioni per impianti di microcogenerazione ad alto rendimento” ha introdotto, a partire dal 1° febbraio 2012, significative novità per le“officine di microcogenerazione” (officine elettriche dotate di impianto di microcogenerazione ad alto rendimento avente potenza elettrica complessiva non superiore a 50 kW) alimentate con gas naturale, gasolio o gpl.

Si vedano al riguardo le pagine dedicate alle Officine elettriche di cogenerazione e di microcogenerazione, nel menu di destra.

 

il_nuovo_TOTEMTOTEM ENERGY

il  TOTEM è un microcogeneratore ad alta efficienza alimentato a metano che produce calore ed energia elettrica nel pieno rispetto dell’ambiente.
-

  • produci calore

    gratis

    Con il TOTEM sostieni solo i costi dell’energia elettrica

  • abbatti le emissioni

    -90%

    Il TOTEM inquina fino al 90% in meno rispetto a una moderna caldaia.

  • in pochi centimetri

    128x78x181

    Il TOTEM è compatto come una caldaia. 

 

VANTAGGI

tanti motivi per scegliere i microcogeneratori TOTEM

    •  

      icon1   bassi consumi

      Payback tra i 2 e i 3 anni

 

  •  

    icon2   100% italiano

    Tecnologia Fiat Chrysler Automobiles, FPT Industrial e Magneti Marelli

  •  

    icon3   efficiente

    Produce elettricità e calore là dove servono

  •  

    icon4   ecologico

    Evita le emissioni nocive in atmosfera

  •  

    icon5   certificato

    Certificazione TÜV Rheinland

  •  

    icon6   affidabile

    Full service e telecontrollo

  •  

    icon7   silenzioso

    62 db(A) @1 mt

  •  

    icon8   modulare

    Fino a 100 kWe

Horus Enenergy Società Cooperativa - via F. Crispi 9, 98066 Patti - ME - P.IVA 03193350836
Area administrator  -  ActiveNet. Copyright © 2009-2018 Kadath Informatica  - Tutti i diritti riservati